Minestrone del Contadino

SONY DSC

Diciamolo: quando piove, l’unica cosa che vorremmo è starcene a casa, al calduccio, con una tazza di tè tra le mani ed una coperta sulle ginocchia, spaparanzate a leggere la pila di romanzi accatastata in equilibrio precario sul comodino.

Sì, sono pigra. Pigra in una maniera assurda, indegna ed indecorosa. E il minestrone è uno di quei piatti che mette a dura prova la mia pazienza, per il tempo che occorre impiegare nella preparazione. E quindi mi dico «Bello, bello tutto, ma perché fare tutto ‘sto bordello quando posso comprare quello surgelato al supermercato?».

Eh. Bella domanda.
Non è sbagliata e non mi metterò qui a tediarti coi soliti discorsi salutisti, ché le verdure fanno bene ma fresche sono meglio, eccetera eccetera eccetera. La verità è che il minestrone è IL piatto del riciclo per eccellenza, un’ottima svolta quando nel frigorifero ti avanzano quelle verdure spaiate – qualche pezzo di cavolfiore, due carciofi e un pezzo, un broccolo… insomma, quelle che mangi solo tu per intenderci – e non sai cosa inventarti. Buttarle nella pattumiera è un peccato mortale, giusto?
Quindi, diamoci sotto col coltello e facciamo un bel minestrone.

Continua a leggere

Annunci

Vellutata di carote allo zenzero

foodiesfeed-com_ginger-with-carrots

Torno a riaffacciarmi dopo un anno, quasi, su questo blog negletto e ramingo.
Sono una disgraziata, lo so. Una disgraziata che s’è già beccata due volte il raffreddore in un mese e ha ancora la gola che assomiglia ad una distesa di carta vetrata.
Oggi ti parlo di un primo piatto facile e veloce, perfetto per affrontare i primi freddi e pronto in pochi minuti.
Una vellutata è il perfetto comfort food, quello che preparo quando ho bisogno di coccolarmi un po’, senza contare che l’arancione delle carote mi fa entrare nel clima autunnale senza troppi rimpianti per l’estate che mi sono appena lasciata alle spalle.
Puoi anche prepararla in anticipo e riscaldarla prima di servirla, l’ideale per quando si torna a casa dalla piscina o dalla palestra e quello che vuoi è mangiare e infilarti sotto le coperte in tre, due, uno…

Continua a leggere